Scarpe Junior Sconti fino al 60% Nencini Sport pag. 6 df86f3

“Il futuro è stasera!”

.

Con queste parole lunedì 5 Dicembre in un teatro degli Arcimboldi di Milano pieno è incominciato un viaggio nella musica del futuro accompagnati da Luca Carboni, senza dubbio uno degli artisti più eclettici della musica italiana degli ultimi trent’anni. Un futuro che parte dai grandi successi del passato che si mischiano con perfetta sintonia ad alcune piccole perle del vasto repertorio del cantautore bolognese fino ad arrivare ai brani dell’ultimo album “Pop-up”, il tutto riarrangiato in chiave moderna, con melodie da dance anni 80 che esplodono in vere e proprie bordate di elettronica pesante in pieno stile berlinese. E’ un Luca Carboni diverso dal solito quello sul palco, che per una sera si è tolto i panni del pacato artista romantico e profondo, tornando un ragazzino che salta e balla per due ore e mezza senza sosta, decisamente “Happy” come canta nella canzone con cui sceglie di aprire le danze e che ci ha fatto compagnia per tutta la scorsa estate. Si continua con “I ragazzi che si amano”, poesia di Prevert tradotta in italiano e trasformata in canzone da Luca, che genera nel teatro un’atmosfera idilliaca con il grande schermo dietro al palco che mostra due astronauti che si tengono per mano mentre fluttuano nell’immensità del spazio, mentre “Virtuale” trova la sua perfetta collocazione in una serata così futuristica, narrando dell’idea di poter disegnare la propria donna in un fumetto “alta, bassa, magra e grassa ogni volta come ti vorrei, stratosferica e spaziale coi capelli blu” oppure riprenderla in video “coi tacchi alti sexy e sicura che ti muovi come una star” per poi rielaborare l’immagina al computer così che “saresti eternamente bella e non riuscirei ad afferrarti mai e tu non invecchieresti, non moriresti mai”, che però si arrende alla verità della realtà con il ritornello “e invece tu sei vera di fronte a me mangi una pera e sputi via i semi e ridi e piangi e poi ti stanchi e poi mi fai incazzare e poi ti viene la malinconia, poi ti verranno anche i capelli bianchi e fino in fondo solo tu sai fino in fondo se sei veramente mia o se stai vivendo una bugia!”. Ci pensa poi la poesia di “Chicchi di grano” ad ammaliare il pubblico, ricordando di un bellissimo amore di colpo finito nella metafora “poi come foglie un colpo di vento ci ha portati via, come chicchi di grano una mano ci ha presi e ci ha buttati lontano”, dando il via ad un momento più riflessivo che prosegue con la nuova “Dio in cosa crede” e con la storica “Sarà un uomo”, cantata in coro da tutti i fan. Per un attimo Luca abbandona l’elettronica e si trasferisce in un’atmosfera dolcemente acustica con la nuova bellissima “Invincibili” che introduce descrivendola come una dedica a tutte le canzoni d’amore, anche quelle più banali e commerciali, cantando: “sì che scriviamo canzoni d’amore anche perché c’è da vincere l’odio e ninna nanne per addormentarlo anche se il suo non è un sonno eterno per noi che abbiamo così tanto da fare, sere da uscire piatti da lavare e poi parole vuotando il bicchiere e poi silenzi per non dispiacere, così cantiamo canzoni d’amore anche stonando e sbagliando parole”. Con “Chiedo scusa” il cantautore chiede invece perdono “al mondo se non lo cambierò, alle grandi certezze per i dubbi che ho, al primo grande amore a cui non penso più, a tutte le altre donne perché mi piaci tu, alle guerre lontane che non mi fanno del male, ai grandi deserti che non vado a annaffiare, per le contraddizioni che non riesco a evitare, chiedo scusa a voi!”, per poi trasformarsi in un funambolo in equilibrio sulle strisce che separano le corsie di “La nostra strada” che “è stata sempre un filo, sempre sopra un filo io e te!”. Con “Solarium” si ritorna ad essere ironici e provocatori al grido di “perdo la testa, perdo la testa per un paio di occhiali da sole, uhm… perdo la testa per gli occhiali da sole, un’altra lampada al viso per non accorgersi più dell’inverno per non sparire nel grigio alle fermate del tram!”, mentre la potenza del testo di “Milano”, cadenzata con forza da chitarre e batteria, è un vero e proprio manifesto di tutti i poeti, scrittori ed artisti nelle parole della prima strofa “spesso mi chiedo perché sto a raccontare i cazzi miei alla gente, pensa a quelli come me che stanno svegli la notte cercando le frasi per riuscire a parlar di sé e non sanno fare nient’altro, non sanno fare niente, neanche le lavatrici, hanno i maglioni sgualciti e non guardano neanche la televisione, tranne la notte degli oscar e qualche film d’azione”, per non parlare del ritornello che fa venire la pelle d’oca alle parole di “così ho invidiato la gente che vive a Milano e le forme di vita di un pianeta lontano e chi ha perso tempo per capire il mondo e chi ha perso tutto per scoprirsi a fondo, avrei voluto scoprire altri punti di vista e come stanno le cose e dove sei te”. Con “Il mio cuore fa ciok”, brano di ormai 23 anni fa, si ritorna nel futuro grazie al remix di dj Squalo Iaco che trasforma questa ballata malinconica ed introspettiva in una vera e propria hit da disco, con i bassi che pompano a tempo come battiti del cuore! Si torna poi ancora più indietro negli anni con due delle canzoni più belle, profonde e toccanti scritte dal cantautore bolognese: “Silvia lo sai” e “Farfallina”, ovviamente cantate a squarcia gola da tutto il teatro! Tocca invece a “Bologna è una regola” riportarci nel presente con Luca che duetta insieme ad Alessandro Raina, coautore del testo di questa vera e propria dedica alla sua città natale. Inaspettata esplode d’improvviso, come una bomba rock, “Inno nazionale”, rafforzata dalla presenza di quattro chitarre elettriche che rimbombano sonoramente nel teatro, rendendo ancora più potente questa provocazione alle nette differenze che dividono noi che “sì che eravamo troppo fascisti oppure troppo menefreghisti e allora giù botte coi manganelli, non eravamo troppo fratelli, poi diventammo troppo comunisti e anche troppo democristiani e sì che il tempo passa, siamo ancora troppo italiani!”. Dalla politica si ritorna all’amore con la storica “Mare mare” che riporta alla mente i ricordi delle estati passate, riscaldano per un momento l’anima in questi giorni di freddo bisso. Sale poi sul palco un altro ospite, Tommaso Paradisi, la voce dei Thegiornalisti, che canta insieme a Luca la canzone “Luca lo stesso”, scritta a quattro mani dai due, che saltano e ballano sul palco, sembrando quasi uno zio e un nipote, accompagnati in coro dall’intero pubblico che canta e batte le mani a tempo. “10 minuti” è invece un’altra di quelle canzoni dove l’ironia di Luca si esprime al meglio, descrivendo tutte le cose che si potrebbero fare nei solo 10 minuti in cui una donna si prepara per uscire: “nel tempo che tu ti prepari io potrei fare tutto il giro dei viali oppure potrei bucare e con la ruota di scorta uscire a Modena nord, potrei convincermi di qualche cosa e abbracciare anche nuovi ideali, tornare bambino e mettere in bocca tutto un pacchetto di sanagola, potrei comprare una canoa e ripensare a tutti i film che mi sono piaciuti…in questi 10 minuti! Hai detto solo 10 minuti!”. Breve pausa per Luca&Co. e poi gran finale con l’acclamatissima “Ci vuole un fisico bestiale”, l’inattesa ballata acustica di “O è Natale tutti i giorni”, piccante critica al buonismo e alle tante contraddizioni della festa ormai alle porte, “Fragole buone buone”, riproposta in una versione elettrica da far invidia ai Subsonica, e per finire il rock di “Vieni a vivere con me”, cantata con tutta la voce rimasta dall’intera platea! Luca Carboni ha regalato una sorprendente serata elettrica e movimentata, condita di poesia ed emozioni, saltellando senza sosta attraverso i lunghi anni della sua carriera, che lo vede ancora al centro del panorama musicale nostrano e come fonte di ispirazione per le nuove leve. Le canzoni di Luca sono uno specchio dell’altalena della vita che in certi momenti ci fa sentire soli e bisognosi di confidarci con una “Farfallina” ed in altri ci fai sentire innamorati ed “Happy”, a volte ci fa sentire abbandonati come “Chicchi di grano” gettati lontano ed altre uniti e sognanti come i “Ragazzi che si amano” di Prevert, attraverso gli anni che passano inesorabili che ci portano da cantare “Sarà un uomo” ad urlare “amami ancora adesso, sono sempre Luca lo stesso”, uniti tutti in un unico coro, dalla gente che vive a “Milano” fino a “Bologna è una regola”, un piccolo grande miracolo popolare, anzi pop, anzi…POP-UP!

Scarpe Da Calcio Nike Vapor 12 Academy Mg Nero EconomiciScarpe Nike Air Max 95 Mesh per ragazzi Uomo Nero SS2601 HMS CareScarpe Da Golf Uomo Negozi Scarpe Italia www.carusodangelistudio Scarpe da ginnastica da donna Trasporto Libero Pantofole, Intimo ,Scarpe da ginnastica Nike Romaleos II Power Lifting Varsity Scarpe da uomo Clarks casual con da infilare Regali di Natale 2018 ,Scarpe da Basket Blu classica da Donna Puma PUMA W. Suede Classic ,Scarpe da uomo Fox Regali di Natale 2018 su ,Scarpe Donne Nike Sportswear Terra Blush Bianco Light Bone Pueblo ,Scarpe da Corsa Nike Flex 2016 RN Bianco Platino Donna Economici ,Scarpe casual casual Scarpe da uomo Da Uomo Cuoio Lacci Scarpe Basse Scarpe kawasaki 38 in vendita ,Scarpe Nike Air Max 90 Uomo 64738 642 Nere Prezzo Basso Air Max 90 ,Scarpe Da Corsa Altra Timp Trail Calce Donna 36VJQVY Scarpe Low Donna Italia Flyknit Force Air Nike 1 AqnpwrACFx,Scarpe Da Ginnastica Donna A Poco Prezzo Online Nike Air Zoom Scarpe da donna Scarpa Donna Geox Happy D5262a 000cl Vitello ,Scarpe da Ginnastica Nike Free Tr Flyknit 3 Lm Donna Flyknit ,Scarpe New Giallo Balance Nero Rush V2 Vazee ArzwRqAScarpe Max Air Bianche Cuscino 2014 Nike Palma Da In esecuzione Uomo Tutto ,Scarpe gt; Fino A Off Carrera Online Scontate 42 SEdREq,Scarpe fitness scarpe per uomo,donna e bambino risparmiare il 50 ,Scarpe Foot Air Vari Adidas Stili Jordan Locker Modelli fEwza,Scarpe calcio uomo Nike Mercurial Victory NEYMAR DF FG 921506 407 ,Scarpe Jordan Jordan Jordan Retro Jps Jordan 7 Milano Scarpe Blu ,Scarpe da uomo John Scarpe con GO7400398 tacco medio decolletè pelle ,SCARPE DA CALCIO Nike Mercurial VAPOR VI SG Nero arancia EUR 30 Scarpe nike air max nere in vendita Bambina scarpe ,Scarpe Nike Air Max 180 Bianche blu P e 2018 615287 100 42 ,Scarpe da calcio Uomo Nike Tiempo Genio Pelle FG verde Strike .

“Così spariamo canzoni d’amore, fino a vuotare il caricatore, per noi, spaventati eroi, 
guerrieri in lacrime, ad ogni bacio noi, così invincibili!”

20161205_221251

Scarpe Da Ginnastica, Abbozzo Su Misura Cervo Scarpe Alte Di Tela ,